IL SOTTOSCRITTO

Gianni Bonina

Giornalista e scrittore. Vive a Catania. Ha pubblicato saggi di critica letteraria, romanzi, inchieste giornalistiche e reportage. È anche autore teatrale. Scrive su la Repubblica-Palermo.

GLI ARTICOLI

Insegniamo ai musulmani a ridere e diciamo le ragioni del lupo

12 Gennaio 2015

Le vignette, anche quelle del Charlie Hebdo,  non offendono per il loro contenuto e quindi perché tali ma per il riso che suscitano e dunque solo se fanno ridere. E’ […]

La stampa che silenziò le Br oggi fa da megafono alla Jihad

11 Gennaio 2015

Perché, Moro prigioniero, la stampa italiana diede ascolto a quella parte dell’Italia che chiedeva di staccare la spina alle Br ignorandone i comunicati mentre oggi la stessa stampa si profonde […]

Intanto l’Italia pensa a imbavagliare la stampa

8 Gennaio 2015

La strage di Parigi capita nel momento in cui in Italia il Parlamento si accinge a discutere la legge che mette il bavaglio ai giornali sancendo il diritto di rettifica […]

“Blade Runner”, tempo quasi scaduto

30 Dicembre 2014

Il primo film di fantascienza che sta per scadere, nel senso che il suo tempo di ambientazione si sta avvicinando, è Blade Runner del 1982, che immagina i fatti nella Los Angeles del […]

Il romanzo sociale è morto? No, è rinato

28 Dicembre 2014

Wlodek Goldkorn, il giornalista polacco che dirige le pagine culturali dell’Espresso, interviene oggi su Repubblica per teorizzare la morte del romanzo sociale nella cultura occidentale. A differenza che nell’Ottocento, oggi […]

La doppia morale di Benigni

17 Dicembre 2014

Se al posto di Roberto Benigni, diploma di ragioniere e scuole basse, ci fosse stato Umberto Eco a illustrare i dieci comandamenti oppure un teologo come Ratzinger o Hans Küng, il […]

Una grande banda non è una piccola mafia

12 Dicembre 2014

Ancorché sia chiamata da tutti “banda”, quella di Carminati è stata ricondotta a un’associazione mafiosa già dalla polizia che l’ha battezzata “Mafia capitale”. Oggi Merlo su Repubblica elabora uno spericolato […]

E se gli onorevoli diventassero aristocratici?

20 Novembre 2014

Nella Grecia del 411 a. C. il proposito di abrogare l’indennità per quanti ricoprissero cariche pubbliche dovette passare attraverso un provvedimento di legge preventivo che aboliva le accuse di illegalità […]

La chiameremo “l’età di Renzi”

8 Novembre 2014

Un futuro storico scriverà probabilmente così di un nostro noto leader politico e delle sue iniziative: “Si trattò in generale di iniziative che, fin quando furono coronate da successo, procurarono, […]

Il dialetto prima e dopo Camilleri

29 Ottobre 2014

Quando nel 1909 Pirandello si chiede se il teatro dialettale possa riuscire comprensibile fuori dall’ambito regionale pone un problema che a Sciascia appare ingenuo – o comunque da risolvere guardando […]

Noi, lettori di libri educati dal cinema

19 Ottobre 2014

Con l’idea di inquadratura, lucrati i guadagni provento della fotografia, è stato il cinema a creare un nuovo principio di osservazione del mondo fenomenico. Partita dalla rielaborazione del concetto di […]

La narrativa non sa più raccontare la mafia

5 Ottobre 2014

La letteratura sulla mafia può essere divisa in due grandi stagioni: quella antecedente al fenomeno del pentitismo e quella successiva ad esso. Una data di svolta può essere quella della […]

La conoscenza? Un segreto superno

27 Settembre 2014

Il termine “conoscenza” è uno dei più misteriosi e plurimi che si… conoscano. Cosa vuol dire il Signore rivolto a Mosé: “Ti ho conosciuto per nome”? E cosa vuol dire […]

Montalbano, vent’anni da testimone del tempo

25 Settembre 2014

Nel 1994 nasceva Salvo Montalbano: da un lato come Minerva, cioè già armata, e da un altro malformato, anzi non ancora formato: “con un piede in aria”, come disse Camilleri. […]